# # # # RASSEGNA DELLE GITE ESCURSIONISTICHE ORGANIZZATE DA # # # # SERGIO OLLIVIER

In questo sito ho raccolto le molte gite escursionistiche che in ventitreanni di attività ho organizzato per un noto Club Alpino di Trieste.
Sono a disposizione per informazioni e la collaborazione nella preparazione e l'assistenza pratica nello svolgimento per quanti, persone
singole, Club Alpini o altre organizzazioni similari, intendessero organizzare una loro gita escursionistica nel territorio intorno a Trieste
I miei recapiti: Sergio Ollivier - email: escursionineidintorniditrieste@gmail.com - 3493413641 cell.- 040941262 casa

1g - Traversata dal golfo di Trieste alla piana di Lubiana - 2.a tappa da San Canziano a Prevallo


Questa gita costituisce anche la quarta tappa del ciclo di cinque gite sul tema "ANDAR PER CAMPEGGI"

Seconda tappa della TRAVERSATA DAL GOLFO DI TRIESTE ALLA PIANA DI LUBIANA
" DAL PARCO DELLE GROTTE DI SAN CANZIANO ALLO SPARTIACQUE DELLE ALPI ORIENTALI "

.
L'itinerario: Grotte di San Canziano-Škocjanske jame (399 m), Gradischie-Gradišče (475 m), aeroporto Divaccia-Divača (424 m), malga-rifugio Vremščica (828 m), monte Auremiano-Vremščica (1027 m), monte Slatina-Slatna (914 m), Senosecchia-Senozeče (572 m), Prevallo-Razdrto (575 m).

IL PROGRAMMA DELLA GITA: descrizione e orari
Ritrovo dei partecipanti alla gita in via Fabio Severo, di fronte alla Rai.
Ore 8.30 Trieste. Partenza con la corriera. Si supera l'ex-valico di Lipizza, e passando per Corgnale-Lokev e Divaccia-Divača si raggiunge il grande posteggio del complesso pertinente alla visita delle grotte di San Canziano. Sosta per il caffè.
Ore 9.30 Grotte di San Canziano-Škocjanske jame (punto 1). Seguendo la parte iniziale di un percorso didattico che fa parte del sentiero traversale sloveno n° 1, in pochi minuti arriviamo al famoso belvedere a picco sulla grande voragine, da dove si puo' ammirare il fiume Timavo-Reka che scorre, prima del suo inabissarsi nel sottosuolo, ben 163 metri più in basso. La visione è molto impressionante per la maestosità del fenomeno idro-geologico. Seguiamo il sentiero segnalato lambendo la grande Dolina della Volpe e al successivo bivio prendiamo a destra, per raggiungere il vicino paesetto di Gradischie, formato da solo 8 case. L'ultimo edificio è l'antica chiesetta di Sant'Elena: da non mancare la visita all'interno perchè cela uno straordinario ciclo di affreschi risalenti al 15° secolo.
Ore 10.15 Gradischie-Gradišče (punto 2). All'uscita dal paese prendiamo a destra una carrareccia che, in pochi minuti, ci conduce al piccolo aeroporto di Divaccia.
Ore 11.00 Aeroporto di Divaccia-Divača (punto 3). Il sentiero segnalato per il Vremščica, allo scopo di poter raggiungere un basso sottopassaggio che permette di superare con maggior sicurezza la ferrovia, costringe a un allungamento del percorso. Avendo fretta e voglia di relativa avventura, ci si può tenere ai bordi dell'aeroporto e poi, superati con cautela i binari, raggiungere una strada secondaria nel punto dove inizia l'effettiva salita al monte. Seguendo il segnavia ci innalziano con un sentiero che risale in modo diretto il vasto pendio erboso: man mano il panorama si fa sempre più ampio, rivelando tutte le alture prospicienti al mare Adriatico, con l'area di San Canziano in ravvicinata evidenza. Dopo un'ora di costante salita arriviamo a una ben tenuta strada bianca che inizia 2 km. prima di Senosecchia. Seguendola, si arriverebbe con ½ ora di distensivo cammino alla malga-rifugio dell'Auremiano, ma l'itinerario completo prevede invece di seguire ancora il segnavia, che propone una camminata sul colmo di una dorsale, in un'alternanza di gradevoli boschetti e panoramiche aree prative: da qui è frequente il decollare in parapendio. Giunti a un bivio, un cartello indicatore ci propone un'alternativa: prendere la via che ci porterebbe al rifugio oppure la facile salita alla vetta, che è ormai molto vicina. E' grandiosa la vista che, nelle giornate limpide, offre la cima dell'Auremiano: aiutati da una tabella illustratrice, si può cercare d'individuare i tantissimi monti che compongono il magnifico scenario circolare, ma suggestiona anche la completa visione del vasto altopiano del Carso triestino e in fondo l'azzurro del mare che si congiunge con l'azzurro del cielo.
Ore 13.30 Monte Auremiano-Vremščica (punto 4). Scendiamo dalla cima seguendo il sentiero della trasversale slovena che si dirige verso il monte Nanos, che imponente si erge dirimpetto. Giunti in una bella conca prativa, raggiungiamo la vicina malga-rifugio, dove avverrà la ricongiunzione con quanti avranno tralasciato la salita alla cima. Sosta per il pranzo al sacco nei pressi del rifugio, aperto nell'occasione della gita (tel. 0038641360794). Possibilità d'usufruire, in convenzione facoltativa da prenotare e pagare in sede entro venerdì 27 marzo, di un minestrone tradizionale, la "iota", al prezzo di € 2,5.
Ore 14.15 Rifugio dell'Auremiano (punto 5). Partenza a comitiva unita. Ripreso il sentiero n° 1, ci innalziamo in uno splendido bosco per ritornare poi in un'area scoperta rappresentata dal versante erboso del monte Slatna. E'possibile traversare direttamente a mezzacosta, ma conviene, con soli 5 minuti di salita in più, raggiungere l'oasi prativa della sua sommità. Di poco meno alto dell'Auremiano ma del tutto trascurato dai gitanti, il monte Slatina (Slatna) offre un completo panorama circolare, a nostro giudizio superiore per vastità al più noto Vremščica.
Ore 15.00 Monte Slatina-Slatna (punto 6). Discesi dalla cima e ripreso il sentiero segnalato, scendiamo lungo il versante sud, immersi in appartato ambiente boschivo. A volte la pendenza è piuttosto accentuata e nel caso di terreno bagnato possono essere utili i bastoncini telescopici. Infine sfociamo in un tratturo che proviene dal paesino di Gabrče, e con esso raggiungiamo le prime case di Senosecchia. Transito lungo la strada principale, accompagnati da un esperto del paese che fornirà notizie sulle cose locali più interessanti. Si possono ammirare due fontane con lavatoio, case importanti ma abbandonate al degrado, villini nuovi; notevole è la chiesa di San Bartolomeo e il suo curato cimitero. Sul luogo dove si trova un grande capannone sorgeva una delle più antiche fabbriche di birra. A fine paese, ai piedi di un colle su cui esisteva un castello, c'è il ristorante "Stari Grad", dove la sera la comitiva festeggerà la conclusione della gita. Adiacente troviamo una bella sorpresa offerta dall'itinerario: una dozzina di cavalli lipizzani scorazza in una rustica fattoria, dove una coppia di bravi allevatori ha allestito un apprezzato allevamento. In questo luogo si compie un ciclo degli splendidi cavalli di razza, dalla loro nascita fino a circa 4 anni d'età, quando giungono alla fine del loro addestramento. Visita alla fattoria con breve pausa-ristoro conviviale. A Senosecchia sarà reperibile la corriera.
Ore 17.00 Senosecchia-Senožeče (punto 7). Per la parte finale della gita sarà possibile scegliere fra due percorsi. Il più lungo prevede di risalire gli ampi pascoli della fattoria per raggiungere una carrareccia che fa parte della grande trasversale slovena. Per non sbagliare, in alcuni bivi bisogna sempre seguire la direzione suggerita dal segnavia. Si supera, con qualche non accentuato saliscendi una serie di colline; la grande quiete del solitario ambiente boschivo, in 2 occasioni è contaminata dalla rumorosa presenza dell'importante autostrada che collega l'Italia a Lubiana. Il più corto invece segue i prati della larga valle del "Senožeški potok". Ci si tiene sempre discostati dalla strada, passando accanto alla frequentata gostilna na Ravni (tel. 0038657656130). Quando la valle si restringe, si prende a sinistra una forestale che confluisce nell'altro itinerario. Il sentiero segnalato conduce direttamente, annunciate da una deturpante cava, alle prime case di Prevallo. Il paese è posto ai piedi del monte Nanos, che impressiona per il suo scosceso versante sud: la sommità è posta ben 700 metri più in alto e sarà l'impegnativo inizio della 3a tappa. Siamo vicino alla sella che costituisce lo spartiacque fra il mare Adriatico e il mar Nero, il punto più basso delle Alpi orientali. Fin dall'antichità, è stato l'ovvio punto di passaggio obbligato delle vie di comunicazione dei popoli. Riunione dell'intera comitiva presso il bar del moderno Wellnes center Mirjam (Tel. 0038657577200).
Ore 18.45 Prevallo-Razdrto (punto 8). Partenza con la corriera. Seguendo la strada principale si ritorna a Senosecchia, distante 5 km.
Ore 19.00 Senosecchia-Senožeče (punto 9). Sosta di ¾ d'ora presso il ristorante Stari Grad (tel. 0038657656251) per festeggiare la conclusione della 2a tappa della traversata da Trieste a Lubiana, con possibilità d'usufruire, in convenzione facoltativa da prenotare e pagare in sede entro venerdì 27 marzo, di un primo piatto composto di un bis di assaggini di tradizione locale al prezzo di € 5.
Ore 19.45 Senosecchia-Senožeče. Partenza con la corriera. Si prende l'autostrada slovena, rientrando in Italia attraverso l'ex valico di Fernetti. Ore 20.30 Trieste. Arrivo in Foro Ulpiano. Fine della gita.


Mappa tratta dalle carte slovene Slovenska Istra e Nanos - Scala 1:50000